La finestra sul cortile

November 29, 2016

In questi giorni Milano si sta riempiendo di luci natalizie, che nel caso della galleria d'Arte Moderna diventano luci d'arte, anzi installazioni luminose di grande suggestione e impatto.

La facciata della Galleria risplende grazie all'artista americano Arthur Duff, che con proiezioni laser appositamente create anima la facciata e il cortile del museo nelle ore notturne. La sua opera "Adaptation" vive sulla rilettura degli spazi, cercando contrasti tra luce/buio, esterno/interno, contenitore/contenuto, con riferimenti al linguaggio cinematografico che sono stati lo spunto per allestire questa mostra. 

Il titolo della mostra richiama un celebre capolavoro di Alfred Hitchcock e il percorso espositivo vuole proporre, come in un film, inquadrature di scene, scorci, rimandi e riletture: ricostruire da episodi frammentari un unico grande racconto. La selezione di opere d'arte contemporanea provenienti da prestigiose raccolte private come le collezioni Panza e Berlingieri viene proposta dal curatore per delimitare una sorta di "campo visivo" -  evocando la finestra da cui James Stuart osservava ciò che accadeva nel suo palazzo - e seguendo questa selezione si può seguire in museo un percorso inabituale. Un percorso che farà percepire gli ambienti della Villa Belgiojoso Bonaparte in modo nuovo, permettendo al visitatore di trovare nuovi rapporti e corrispondenze tra spazi e opere, tra opere antiche e moderne, rileggendo anche in maniera ironica temi e generi artistici e riuscendo di raccontare in chiave contemporanea le radici della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

 Tra i maestri inclusi in questa insolita e appassionante proposta espositiva dobbiamo ricordare alcuni artisti di riferimento della Galleria d'Arte Moderna come Hayez, Manet, Fattori e Morandi, accanto a voci dell'arte contemporanea come Christo, Dan Flavin, Joseph Kosuth, Richard Long, Julia Mangold, Cady Noland, Giulio Paolini, Richard Serra, Rudolf Stingel.

Il curatore della mostra - Luca Massimo Barbaro- spiega così il suo progetto:  “Hitchcock è stato un grande maestro dell’inquadratura e del vedere. Proprio alla sua inedita capacità di sguardo è dedicato questo percorso espositivo attraverso la GAM, primo di una serie di progetti che svilupperò ispirati alla sua filmografia. Come nel capolavoro del grande regista, il pubblico diventa il vero protagonista mentre osserva e viene osservato; l’architettura dello spazio si trasforma in un grande set dove un gioco di “scorci visivi” riporta agli occhi del visitatore, riscoprendoli con accostamenti inattesi, capolavori museali e opere contemporanee”.

 La mostra, realizzata con il sostegno di UBS, è in cartellone fino al 26 febbraio 2017. 

Il giovedì sarà aperta fino alle ore 22.30: un'occasione eccezionale per visitare la GAM in notturna, quando i lampadari di cristallo delle sue sale e le nuove installazioni rendono ancora più magica l'atmosfera di questa storica residenza principesca.

Noi la visiteremo insieme giovedì 15 dicembre alle ore 20.30, per maggiori informazioni e altre date clicca qui: lafinestrasulcortile

 

 

Please reload

Recent Posts

February 8, 2018

August 9, 2017

June 7, 2017

Please reload

Archive
Please reload

MAPPA DEL SITO      Privacy         

  • logo-facebook
  • Logo-Instagram
Copyright: 2016 OPERA d'ARTE s.c.a.r.l. - Sede legale e operativa via Arese 18 - 2159 MILANO
C. F./P. IVA/Iscrizione Pubblico Registro delle Imprese: 12483950155